Spector: lo strumento che tutti i creativi aspettavano

Spector Scanner Font

Forse ne avete sentito parlare in questi giorni dal momento che Spector sembra essere il gadget destinato a rivoluzionare per sempre il mondo (e la vita) dei graphic designer. Se invece non lo conosceste ancora, siamo lieti di presentarvi questo fantastico strumento che anche noi, un giorno, speriamo di poter stringere tra le mani.

Ma andiamo con ordine. Da quando la studentessa del Royal College of ArtFiona O’Leary, ha lanciato il suo prototipo, sul web si sono scatenate condivisioni e commenti entusiastici (quasi increduli) sulle funzionalità di Spector. Quello che a prima vista potrebbe sembrare quasi un timbro, in realtà è uno strumento rivoluzionario.

spector font

Si tratta di un piccolo e simpatico apparecchio che funziona come Shazam, l’app che permette di indentificare in pochi secondi la canzone che si sta ascoltando. Allo stesso modo, Spector, in pochi secondi riesce a identificare il font di qualunque testo stampato. Quante volte, soprattutto a voi graphic designer, sarà capitato, sfogliando una rivista, di imbattervi in un bel font ma di non riuscire a riconoscerlo? Bene, con questo piccolo apparecchio, da oggi potrete dire addio a estenuanti (e spesso fallimentari) ricerche. Spector, non solo identificherà il font del testo, ma anche il colore, l’interlinea e la crenatura per fornirvi tutte le informazioni di cui necessitiate. Basta appoggiarlo sul testo, premere il pulsante in alto e in pochi secondi, grazie a una scansione, potrete scoprire di che font si tratta. Passando invece alla modalità “colore”, Spector vi fornirà l’esatta combinazione CMYK o RGB.

Non sarebbe bellissimo se un oggetto così entrasse in commercio? È quello che, ormai in ogni parte del mondo, sperano un po’ tutti i grafici e i progettisti.

Related posts